Connect with us

Cultura

Rinviato “Romeo e Giulietta” a Teatro Flavio Vespasiano

Published

on

ATCL Lazio e Comune di Rieti comunicano che lo spettacolo Romeo e Giulietta previsto il 19 maggio 2022 al Teatro Flavio Vespasiano di Rieti è stato posticipato per via di casi Covid all’interno della compagnia. Lo spettacolo sarà recuperato nella prossima stagione teatrale. Gli abbonati potranno recuperare lo spettacolo nella stagione teatrale 2022-23, conservando il tagliando dell’abbonamento. I possessori di biglietto potranno utilizzarlo per il recupero della data, conservando il titolo d’ingresso. Per qualsiasi altra informazione è disponibile l’indirizzo mail: teatro@comune.rieti.it

Continue Reading

Città

Giugno Antoniano, c’è la lirica a Sant’Agostino

Published

on

Nuovo appuntamento con il Giugno Antoniano, domani sera alle ore 21.15, c’è la lirica a Sant’Agostino con l’associazione musicale “Opus Musik”. Dalle “Nozze di Figaro” e “Don Giovanni” fino alla “Cavalleria rusticana”. Non mancheranno esibizioni dedicate alla straordinaria produzione di Giuseppe Verdi, con brani tratti da “La Traviata”, “Il ballo in maschera”, “Simon Boccanegra” e “Il Trovatore”. Ad esibirsi i soprani  Silvia Costanzi, Valentina De Angelis ed Aura Sini Frascarelli. Il tenore Mirko Rossetti ed il baritono Maurizio De Santis. Fra i mezzosoprano ci saranno Simona Santoprete e Desirèe Proietti Lupi mentre fra gli uomini il basso Francesco Saverio Pasquetti. Al pianoforte un partner storico di “Opus Musik”, il maestro Ruggero Russi

Continue Reading

Cultura

Regione Lazio, Zingaretti: “Oltre 2,2mln di euro per progetti culturali”

Published

on

Continue Reading

Cultura

“La voce e il miracolo”: è stata inaugurata la mostra al Palazzo Papale di Rieti

Published

on

In occasione del Giugno Antoniano è stata inaugurata la mostra “La voce e il miracolo”, nel Salone di Palazzo Papale alla presenza della curatrice Maria Gloria Riva.

LA MOSTRA: La mostra, attraverso i linguaggi di diversi artisti, esplora la spiritualità antoniana come la sua vocazione francescana, il suo naufragio in Italia e il primo incontro con san Francesco. Esposte le opere di alcuni artisti contemporanei italiani, che si sono confrontati con la vita di Antonio e con la sua iconografia, attraverso dipinti, sculture e ceramiche.

SCOPO DELL’ESPOSIZIONE: Pregare, riflettere, ripensare la figura di Antonio, cercando la sua voce non solo nell’agiografia, ma tornando alle cose concrete, e magari cogliendone il riflesso in quella delle persone che hanno ascoltato la sua predicazione, come accade nell’installazione di Paolo Baglioni, o nella natura, come fa Paola Ceccarelli che rilegge la voce del santo nelle onde dell’acqua dove i pesci affiorano per ascoltarlo. Tra le opere in mostra anche una del pittore reatino Alessandro Melchiorri, che non figura nel Catalogo dell’esposizione, ma consegnando il momento dell’uscita della “macchina” di sant’Antonio dalla chiesa di San Francesco chiude forse il cerchio. E allora come sottolineato dal vescovo Domenico Pompili, la manifestazione non vede la consumata divisione tra il programma “civile” e quello “religioso”, ma un unico flusso di eventi nel quale la dimensione spirituale è compenetrata da quella sociale, economica – con il riferimento al “Fondo Pane di Sant’Antonio” – e anche ludica. E cercando di soddisfare diverse sensibilità, dove il popolare e devozionale incrociano e si mescolano con esigenze di fede più mature e riflessive.

Continue Reading
Hide picture