Connect with us

prima pagina

Amatrice, First Cisl Lazio: “Necessario arrestare la desertificazione bancaria”

Published

on

Si è tenuto ieri ad Amatrice un convegno dal titolo “Il valore della partecipazione per lo sviluppo delle Comunità locali”, organizzato dalla First Cisl del Lazio. Presenti figure di rilievo del mondo istituzionale, economico e civile, che hanno affrontato il tema della desertificazione bancaria e delle sue conseguenze.

“Nel Lazio, su 378 Comuni ben 179 sono sprovvisti di banche, e gli impieghi verso l’economia reale sono inferiori rispetto alla raccolta, nonostante la regione sia tra le prime in Italia”: è quanto fatto presente da Caterina Scavuzzo, Segretaria Generale della First Cisl Lazio. Dello stesso avviso Claudio Stroppa, Segretario First Cisl Roma – Rieti, che condivide l’idea di un percorso con la Regione Lazio, unitariamente tra CISL, CGIL e UIL, per la definizione di un Osservatorio sul Credito.

La mancanza di filiali obbliga cittadini e imprenditori a doversi spostare altrove per poter svolgere anche semplici operazioni bancarie. La clientela, spesso anziana e non in grado di utilizzare le modalità telematiche, rischia inoltre di creare un’emarginazione dai servizi creditizi, riconosciuti dalla nostra Costituzione come un diritto essenziale.

Presente anche il Segretario Generale nazionale della First Cisl, Riccardo Colombani, che ha dichiarato: “La desertificazione bancaria è un problema che colpisce tutto il Paese, in particolar modo la provincia di Rieti. Togliere sportelli vuol dire creare emarginazione sociale. Serve un cambio di registro radicale, per raggiungere obiettivi di sostenibilità. Le banche devono fare la loro parte insieme alla politica che deve porre al centro la questione bancaria”.

Continue Reading

Politica

Polis, Speciale Amministrative 2022

Published

on

Continue Reading

prima pagina

2 giugno, si prevede un ponte in trasferta per 9mln di italiani

Published

on

Continue Reading

lavoro

ASM, dipendente sanzionato per aver fatto una doccia. La UIL vince il ricorso

Published

on

Continue Reading