Connect with us

Comune

Comune di Rieti: Avviso pubblico per sostegno a mamme con figli a carico in difficoltà

Published

on

L’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Rieti, Giovanna Palomba, informa che Laziocrea, società in house della Regione Lazio ha adottato e pubblicato l’Avviso pubblico per il sostegno ai nuclei monogenitoriali composti da donne con figlio a carico che, a seguito della pandemia da Covid-19, vivono in condizioni di indigenza e sotto la soglia di povertà.

TERMINE PER LE DOMANDE – Il termine di presentazione delle domande è fissato entro e non oltre le 18 del 27 novembre. Il contributo potrà essere destinato a soddisfare bisogni emergenziali nonché a supportare la conciliazione dei tempi di vita-lavoro, che, nell’ambito delle famiglie monoparentali, in particolare formate da madri sole, incide profondamente nella gestione degli impegni lavorativi, comportando spesso la necessità di riadattare i tempi di lavoro alle contingenti esigenze familiari o di rinunciare al lavoro stesso, esponendo l’intero nucleo ad un evidente rischio povertà, soprattutto in presenza di figli minori.

BENEFICIARI – Beneficiari dei contributi: nuclei monogenitoriali composti da una donna e uno o più figli a carico che abbiano un’età compresa tra O e 21 anni; essere residenti in uno dei Comuni della Regione Lazio con numero di abitanti compreso tra 10.000 e 60,000; essere in situazione di indigenza e sotto la soglia di povertà secondo il parametro Istat tra O e 6,000 euro; reddito complessivo del nucleo familiare ai fini Irpef relativo all’anno di imposta 2020 compreso tra 6.001 e 10.000 euro; reddito complessivo del nucleo familiare ai fini Irpef relativo all’anno di imposta 2020 superiore a 10,000 euro. La domanda di rimborso dovrà essere presentata per via telematica al seguente link: https://app.regione.lazio.it/sostegnodonna.

Continue Reading

Città

RFI: Giunta Comunale approva l’eliminazione di 7 passaggi a livello

Published

on

Continue Reading

Città

Petrangeli incontra i sindacati: lavoro e università i temi

Published

on

Proseguono gli incontri tra sindacati e candidati a primo cittadino per Palazzo di città. Questa volta è il turno di Simone Petrangeli con i rappresentanti della CISL Roma Capitale – Rieti, il Segretario Generale Carlo Costantini e il coordinatore della CISL del territorio reatino Paolo Bianchetti. Nel corso dell’incontro si sono approfonditi i temi oggetto della nota redatta dal sindacato con particolare rilevanza data al tema del lavoro, soprattutto riguardante i giovani e alla necessità di uno sviluppo locale legato alle peculiarità del territorio. Oltre al lavoro è stato affrontato il tema dell’Università e di politiche sociali più inclusive e infrastrutture materiali e digitali, sanità territoriale e il ruolo del comune capoluogo.

LE DICHIARAZIONI – Petrangeli e i sindacati hanno infine concordato sulla necessità di una attività amministrativa improntata al confronto e al dialogo continuo per poter coinvolgere l’intera comunità nelle scelte più importanti. Queste le parole del candidato sindaco del centrosinistra al termine dell’incontro: “Ci siamo confrontati su temi nell’auspicio comune di un confronto costante e costruttivo che vada anche oltre le elezioni amministrative”.

Continue Reading

Comune

“Rischio sismico: cosa sappiamo e come difenderci”, l’incontro in comune

Published

on

“Rischio sismico: cosa sappiamo e come difenderci”, questo il tema dell’incontro promosso dall’Ordine dei Geologi del Lazio e dal Comune di Rieti con il patrocinio dell’Ordine degli Ingegneri e degli Architetti, Pianificatori della Provincia di Rieti. Un evento importante per un territorio fortemente colpito dai terremoti del 2009 e del 2016 con il prezioso intervento del Presidente dell’Ingv che ha spiegato: “Conoscere la natura dei fenomeni geologici è la base per riuscire a calcolare con una buona approssimazione gli effetti che si produrranno con i terremoti futuri, indicazioni basilari per poter adottare le opere di prevenzione necessarie sia sul costruito esistente, che sulle nuove abitazioni o infrastrutture. L’attuale normativa antisismica per l’edilizia residenziale non protegge in modo adeguato le aree epicentrali per le quali dobbiamo invece focalizzare l’attenzione. Ogni edificio – conclude Doglioni – fa inoltre storia a sé, sia per il suo grado di vulnerabilità, sia per gli effetti di amplificazione sismica locale, conoscenze imprescindibili in ogni contesto. Il convegno ha visto la presentazione di analisi della disaggregazione degli edifici tipici dell’Appennino e delle tecniche innovative che possono rendere le nuove case in grado non solo di salvare la vita umana ma anche di rimanere integre e utilizzabili dopo il terremoto, senza dover far sfollare per troppi anni intere comunità, lacerandone il tessuto sociale”.

“Un convegno di alto valore scientifico che ha animato la Città di Rieti ed ha riproposto il tema della ‘unicità’ di ogni edificio – aggiunge il Sindaco di Rieti, Antonio Cicchetti – A fronte di ciò non sembri azzardato ripensare all’introduzione del tanto osteggiato ‘fascicolo del fabbricato’, contenente la storia analitica dell’edificio. Cosa che, in fin dei conti, corrisponderebbe alla cartella sanitaria del paziente”. In chiusura Leonello Serva, promotore dell’incontro, riepiloga: “Ad oggi ritengo, con buona approssimazione, che il terremoto massimo che può colpire l’area sia di Magnitudo intorno a sei. Tale terremoto può produrre il fenomeno della fagliazione superficiale con rigetti dell’ordine dai pochi centimetri a uno o due decimetri; di tali piccoli valori se ne dovrebbe tenere conto nelle microzonazioni in quanto essi, sulla base della mia esperienza, non creano danni sostanziali a strutture ben costruite”.

Continue Reading