Connect with us

Cronaca

Arrestato il capo della banda che, in piena pandemia, ha svaligiato 20 abitazioni tra la Sabina e Terni

Published

on

Sarebbero stati compiuti in terra sabina, da Magliano a Passo Corese, una parte dei furti in abitazione attribuiti alla banda di ladri scoperta e smantellata dai carabinieri delle compagnie di Terni e San Gemini, da dove è partita la maxi-inchiesta che è riuscita a risalire ad un sodalizio criminale interregionale, con “base” a Roma ma con ramificazioni nel Reatino e nel Ternano.

QUATTRO I LADRI – Quattro le persone finite nel mirino dei militari, due di origine albanese e due romene. Tra queste una donna di 36 anni, compagna di quello che viene ritenuto il capo della banda, pure lui 36enne, arrestato nella Capitale con l’accusa di furto aggravato in concorso. La donna è stata denunciata a piede libero mentre sono ancora in corso le ricerche per identificare gli altri due complici.

COME OPERAVA LA BANDA – Secondo quanto ricostruito dai militari, i ladri operavano con piani ben studiati e organizzati”. A caratterizzare la banda il modus operandi: venivano sempre prese di mira villette di campagna, case isolate o piccoli condomini, nei quali i malviventi riuscivano ad accedere forzando o rompendo i vetri delle finestre. I quattro agivano nell’arco orario compreso tra le 16 e le 20, cercando soldi, gioielli, orologi, monete storiche e attrezzature fotografiche. Per le fughe venivano utilizzate automobili sempre diverse tra loro. Ed è così che, tra l’ottobre del 2020 e l’aprile del 2021, in piena pandemia da Covid, sono stati messi a segno alcuni colpi nelle zone di Fara in Sabina, Montopoli, Poggio Mirteto e Magliano Sabina. La stima dei proventi delle attività illeciti ammonterebbe a oltre 30 mila euro:

Continue Reading

Cronaca

Arrestato dai carabinieri 25enne nigeriano mentre spacciava lungo la pista ciclabile

Published

on

Continua l’attività di controllo del territorio da parte dei Carabinieri della Compagnia di Rieti, finalizzata a contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti nel capoluogo.

L’OPERAZIONE – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno arrestato un cittadino
nigeriano, 25enne, colto in flagranza di spaccio. I militari, nell’ambito dell’attività di contrasto alla vendita di stupefacenti nei luoghi a rischio, particolarmente attiva anche sul Lungovelino, hanno riconosciuto una persona già nota come assuntore che passeggiava lungo la pista ciclabile adiacente il fiume. Insospettiti dalla sua presenza in quel luogo, lo hanno seguito fino a quando si è incontrato con il cittadino nigeriano che gli consegnava un involucro in cambio di una banconota da 20 euro.
I carabinieri sono subito intervenuti bloccando entrambi. La perquisizione personale ha permesso di rinvenire e sottoporre a sequestro una dose di eroina e la somma di euro 35,00, comprensiva della banconota per la cessione della dose.

L’ARRESTO – La perquisizione attuata presso l’abitazione dello spacciatore, distante poche decine di metri dal luogo del fermo, ha permesso di recuperare altre quattro dosi di eroina già pronte per essere cedute, oltre a materiale per il confezionamento. L’arrestato è stato successivamente condotto presso la sua abitazione e sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa di disposizioni da parte dell’Autorità Giudiziaria.

Continue Reading

Cronaca

Restituita al proprietario dai carabinieri la bici elettrica che gli era stata rubata. Nigeriano denunciato per ricettazione

Published

on

Lo scorso luglio un cittadino aveva denunciato ai carabinieri del cimando di Rieti, il furto della propria bicicletta elettrica, del valore di 2.000 euro, che aveva parcheggiato in Viale Morroni.

LE INDAGINI – Le ricerche non si sono mai interrotte e la scorsa settimana un conoscente del proprietario gli ha riferito di aver visto una bicicletta molto simile alla sua circolare per le vie cittadine guidata da un ragazzo extracomunitario. La notizia è stata riferita ai Carabinieri che si sono concentrati con pattugliamenti nel centro storico acquisendo inoltre riscontri grazie agli impianti di videosorveglianza. Le ricerche sono state intensificate e una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile, è riuscita a rintracciare, in via Pennina, un 26enne nigeriano in sella alla bicicletta. Una volta fermato i carabinieri hanno accertato che si trattava, del mezzo rubato grazie ai nuovi codici di controllo e marchiatura presenti sul telaio.

LA DENUNCIA – Il giovane è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Rieti, poiché ritenuto responsabile del reato di ricettazione. Conclusi gli accertamenti necessari, la bicicletta elettrica è stata restituita al proprietario che ha ringraziato i Carabinieri per il lavoro
svolto.

Continue Reading

Cronaca

Arrestato dai carabinieri un19enne per spaccio di droga

Published

on

Arrestato dai Carabinieri di Magliano Sabina, nel pomeriggio di ieri, un 19enne padovano, già noto alle forze di polizia, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

IL FERMO – I militari, durante un servizio mirato alla prevenzione e alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno notato un’auto in sosta in prossimità del casello autostradale di Magliano Sabina. L’atteggiamento assunto durante il controllo dai due giovani a bordo della vettura, apparsi nervosi, ha portato i carabinieri a procedere alla perquisizione dell’auto, dove all’interno hanno rinvenuto occultati nel bagagliaio, kg. 1,100 di marijuana e gr. 600 di hashish con un notevole quantitativo di buste di cellophane, del tipo utilizzato per il confezionamento delle dosi.

L’ARRESTO – Il conducente dell’auto, che si è fin da subito dichiarato esclusivo proprietario dell’ingente quantitativo di stupefacente, è stato arrestato in flagranza di reato ed è attualmente detenuto agli arresti domiciliari in una struttura alberghiera della zona, mentre il suo coetaneo incensurato, è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Rieti. Lo stupefacente sequestrato, che venduto al dettaglio avrebbe fruttato cifre superiori ai 16.000 euro, verrà portato al R.I.S. di Roma per le analisi di rito finalizzate anche all’accertamento del principio attivo.

PROSEGUONO GLI ACCERTAMENTI – La Stazione di Magliano ed il Nucleo Operativo della Compagnia di Poggio Mirteto, stanno svolgendo ulteriori accertamenti atti a verificare se lo stupefacente fosse, in tutto o in parte, destinato alla provincia di Rieti. 

Continue Reading