Connect with us

Generale

Lavori in corso al De Lellis, nuova tac e nuova risonanza magnetica

Published

on

Con la notizia dell’apertura di un nuovo reparto di terapia intensiva da 10 posti letto entro febbraio al De Lellis, arriva la notizia anche dell’acquisizione da parte dell’ASL Rieti di una nuova Tac e di una nuova risonanza magnetica

LA NUOVA TERAPIA INTENSIVA – A febbraio 2021 l’Ospedale de’ Lellis di Rieti sarà dotato di un ulteriore reparto di Terapia Intensiva da 10 posti letto. La nuova struttura modulare di circa 500 metri quadrati, sarà collocata in prossimità dell’ex Pronto Soccorso del nosocomio reatino e conterrà 10 stanze singole a pressione negativa e le più moderne apparecchiature elettromedicali di anestesia e rianimazione. I lavori sono già in corso per consentire la collocazione della struttura nell’area individuata, già a partire dalla metà di gennaio 2021. Il nuovo reparto consentirà all’ospedale provinciale di Rieti di ampliare la dotazione di posti letto di Terapia Intensiva e/o di Sub intensiva.  

NUOVI ACQUISTI – L’Azienda sta dotando l’ospedale di Rieti delle migliori e più moderne tecnologie per consentire ai cittadini della provincia di Rieti standard di cura e sicurezza sempre più elevati. Oltre all’installazione dei due Acceleratori Lineari presso il reparto di Radioterapia oncologica, la Regione Lazio (DGR 911 del 27/11/2020) ha approvato anche i progetti per l’acquisizione di una nuova TAC e una nuova Risonanza Magnetica, apparecchiature di ultimissima generazione.  

SEGNALI IMPORTANTI – Si tratta di segnali importanti sul piano dell’ammodernamento tecnologico e su quello dell’implementazione dei servizi e delle attività. L’Azienda continua ad incrementare l’offerta, in attesa che si superi l’emergenza, consapevole che nessun reparto o servizio è stato chiuso, a cominciare dal reparto di Oncologia Medica attivato proprio per volontà di questa Direzione, visto che prima del 2018 il nostro Ospedale ne era sprovvisto.  Ai cittadini chiediamo di continuare a rispettare tutte le misure di prevenzione e contenimento della diffusione del virus: l’Azienda proseguirà nell’ampliamento dell’offerta dei servizi sanitari e socio assistenziali.  

FONTE COMUNICATO STAMPA DIREZIONE AZIENDALE ASL RIETI

prima pagina

Sisma 2016: Legnini chiede al Parlamento la stabilizzazione del Superbonus 110%

Published

on

Il Commissario Straordinario per la ricostruzione Giovanni Legnini, ha partecipato ad un’audizione alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato sulla Legge di Bilancio 2022, sollecitando la proroga di alcune disposizioni di legge che riguardano il cratere, e che scadono a fine anno, ed una disciplina che consenta alle imprese il rimborso dell’Iva sul contributo di ricostruzione che devono anticipare.

STABILIZZARE IL SUPERBONUS – La richiesta è stata quella di stabilizzare il Superbonus 110% almeno fino al 2025 nelle aree del cratere sisma 2016, e laddove si ricostruisce con i fondi pubblici dopo un sisma, evitando differenziazioni in base alla tipologia degli edifici e al reddito dei loro proprietari. 

LE PAROLE DI LEGNINI – “Grazie alla semplificazione delle norme e delle procedure – ha dichiarato Legnini – la ricostruzione privata ha subìto una fortissima accelerazione nella seconda metà del 2020 e nel primo semestre di quest’anno, con l’approvazione di ben 6 mila richieste di contributo e l’apertura di altrettanti cantieri, anche se dopo l’estate abbiamo registrato un rallentamento di questa crescita”.

RITARDI NELLA RICOSTRUZIONE – Pesano, in particolare, la scarsità del numero delle imprese disponibili ad effettuare i nuovi lavori, la difficoltà di reperimento di alcuni materiali edilizi essenziali, oltre al forte aumento dei prezzi di alcuni prodotti. Legnini ha poi chiesto al Parlamento di attivarsi per garantire la proroga di alcune misure che riguardano il cratere e che sono di prossima scadenza.

Continue Reading

prima pagina

Ricostruzione: manifestazione di volontà dei proprietari entro il 15 dicembre altrimenti i contributi decadranno

Published

on

Sono 22 mila gli edifici censiti come inagibili dopo i terremoti del 2016 e 2017 per i quali non è ancora stata presentata né la richiesta, né la prenotazione del contributo, e che dunque rischiano di non poter beneficiare dei fondi pubblici per la ricostruzione se entro il 15 dicembre i proprietari non avanzeranno almeno la Manifestazione di volontà a richiedere il contributo stesso.

GIOVANNI LEGNINI SCRIVE A 500 SINDACI – Proprio oggi il Commissario Straordinario alla Ricostruzione post sisma 2016, Giovanni Legnini, ha scritto ai sindaci di oltre 500 comuni nelle quattro regioni del cratere 2016, quelli dove si sono registrati danni da sisma, invitandoli a prendere ogni iniziativa possibile per raggiungere i proprietari delle case inagibili che non hanno ancora fatto passi concreti per la ricostruzione. I cittadini che non hanno ancora presentato agli Uffici Speciali Regionali la Richiesta di contributo insieme al progetto dell’intervento hanno infatti l’obbligo di trasmettere al Commissario, in via telematica, una manifestazione di volontà a richiedere il contributo stesso, pena la sua decadenza, entro il prossimo 15 dicembre.

L’APPELLO DEL SINDACO CICCHETTI – Il Sindaco di Rieti, Antonio Cicchetti , raccogliendo la recente sollecitazione del Commissario Straordinario alla ricostruzione post sisma 2016, invita i proprietari delle case inagibili che non hanno ancora fatto passi concreti per la ricostruzione ad attivarsi, trasmettendo in via telematica una manifestazione di volontà a richiedere il contributo stesso, pena la sua decadenza, entro il prossimo 15 dicembre.Maggiori informazioni sono disponibili al link https://sisma2016.gov.it/2021/11/05/legnini-22-mila-edifici-rischiano-di-perdere-il-contributo-appello-ai-sindaci/

Continue Reading

Comune

Rapporto Italia Oggi su qualità della vita, Rieti perde quasi trenta punti

Published

on

Il rapporto Qualità della Vita in Italia 2021, giunto alla 23 esima edizione, grazie allo studio promosso da Italia Oggi e Università La Sapienza di Roma, in collaborazione con Cattolica Assicurazioni, vede una vera e propria rivoluzione al vertice della graduatoria per quanto riguarda le province italiane in ordine graduale in base alla vivibilità. Graduatoria con quattro etichette: buona, accettabile, scarsa e insufficiente.

IL CROLLO DI RIETI – Il rapporto pubblicato ieri vede il tracollo di Rieti, con altre province del Centro, come L’Aquila, ma anche del Nord. Rieti, che passa dal 37mo posto del 2020 al 64mo posto, in alcuni ambiti perde posizioni importanti scendendo in classifica anche di diverse posizioni.

INDICATORI DI BENESSERE – Gli indicatori di benessere su cui si basa la ricerca sono nove: affari e lavoro, ambiente, disagio sociale e personale, istruzione-formazione e capitale umano, popolazione, reddito e ricchezza, sicurezza, sistema salute e tempo libero. Per quest’anno, come anche lo scorso, è entrata a far parte dei criteri la gestione della pandemia che ha messo a nudo aree di vulnerabilità tenendo conto della capacità di reazione. Considerando tutte le voci e le sottovoci dello studio nella classifica finale per il 2021 Rieti precipita dal 37mo al 64mo posto con una situazione con parametri che la pongono in una posizione definita scarsa.

Continue Reading